Il Moscow Mule è uno dei cocktail più famosi al mondo, un vero grande classico. Un long drink appartenente alla famiglia dei Buck Cocktail, drink a base di Ginger Ale o Ginger Beer, dal tenore alcolico moderatamente basso.

Ingredienti:

E proprio il Ginger Beer insieme alla vodka, sono gli ingredienti base di questa bevanda molto fresca e dissetante:

  • 4,5 cl Vodka
  • 12 cl Ginger Beer
  • 0,5 cl succo di lime
  • 1 fetta di lime

A questo punto basta spremere il lime e filtrare il succo, tagliare il lime a metà e riempire il bicchiere di ghiaccio. Versare la Vodka, il Ginger Beer e il succo di lime. Tutto il gusto in una ricetta così semplice!

Il mistero del cetriolo è svelato... Nella ricetta originale non c’è: l’usanza di aggiungere la fetta di cetriolo pare che derivi dalla tradizione russa di mangiare qualche cetriolino in salamoia come accompagnamento agli shot di vodka ma non ha niente a che vedere con la storia del Moscow Mule.

Origini:

Come accennato, nonostante il nome tradotto significa “mulo di Mosca”, non ha niente a che fare con la città Russa: nasce, infatti, nel 1941 a New York dall’incontro di due imprenditori alla ricerca di fortuna per far decollare i propri prodotti. John G. Martin era il proprietario del marchio dei liquori e distillati Smirnoff e Jack Morgan il gestore del Cock’n Bull, un locale di Hollywood che tra gli anni Quaranta e Cinquanta era molto frequentato dalle Star.

Martin stava cercando un modo per pubblicizzare la Vodka Smirnoff e la sfida sembrava essere ardua dal momento che al tempo il distillato sovietico non era molto amato negli Stati Uniti. Morgan invece voleva rendere popolare la sua nuova linea di produzione di ginger beer.

Allo stesso bancone quel giorno, c'era anche una donna, un’immigrata russa in cerca di fortuna, la quale portava con se tazze di rame (le Mug) con incisa l’immagine di un mulo (ecco il perchè del bizzarro nome), importate dal suo Paese per venderle negli Stati Uniti. I tre confrontandosi sui problemi imprenditoriali, ebbero l’idea di miscelare nella tazza di rame i due prodotti aggiungendo ghiaccio e succo di lime… quel che venne fuori in poco tempo si diffuse in tutti gli Stati Uniti con un successo strepitoso! 

Ancora oggi la tradizione vuole che il Moscow Mule venga servito nella Mug per due motivi: primo perché il rame è un ottimo conduttore e la tazza si raffredda velocemente e secondo perché si pensa, non su basi provate, che l’interazione tra il rame e il lime aggiunga qualcosa al gusto del cocktail. Ormai in molti casi viene usato semplicemente un bicchiere tumbler di tipo highball come per la maggior parte dei long drink.

Varianti:

Come ogni ricetta classica che si rispetti, anche il Moscow Mule ha le sue divagazioni, anche in questo caso, infatti, la fantasia è la prima regola dei barman, che di anno in anno si divertono a dare un tocco di originalità ai drink: chi inserisce la fantomatica fettina di cetriolo, chi i frutti di bosco, chi invece al posto del lime preferisce il succo di cedro. Una variante di tendenza è quella che sostituisce il gin alla vodka: il Gin Gin Mule o meglio conosciuto come London Mule. Il gusto del gin, infatti, sembra combinarsi perfettamente con la nota pungente dello zenzero. Il Dark and Stormy, è invece la versione tropicale del drink a base di rum scuro e ha grande approvazione nei locali di tutto il mondo.

Abbinamenti gastronomici

Il Moscow Mule si sposa perfettamente con qualsiasi piatto da aperitivo, dal finger food al classico tagliere di salumi. Ma non solo, questo cocktail più accompagnare una grande varietà di piatti come pasta fredde, carne arrosto e interessante abbinata alla paella.

Operazione in corso, attendere...

Informativa: questo sito utilizza cookie, anche di terze parti, per inviarti pubblicità e servizi in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie clicca qui. Chiudendo questo banner o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookie.
VINO75 La informa che tratterà i dati relativi ai Suoi acquisti con finalità di profilazione sulla base del proprio legittimo interesse. Potrà opporsi in qualsiasi momento a tale trattamento con le modalità descritte nell'Informativa privacy.