Spesso ci si avvicina allo Champagne con un certo timore reverenziale, intimiditi dalla sua allure e dal suo fascino. Nel corso della sua lunga storia, ha attraversato guerre e vicissitudini varie, consolidando nei secoli la sua immagine legata in modo indissolubile ai momenti di festa.

Ma lo Champagne è innanzitutto un grande vino. Dobbiamo considerarlo come tutte le eccellenze dell’enologia mondiale, conoscerne le differenze espressive, le caratteristiche gustative, le zone di produzione, le diverse cuvée, gli stili dei vari produttori, così come siamo soliti fare quando parliamo dei vini di Bordeaux o della Borgogna. Solo in questo modo saremo in grado di scegliere con consapevolezza le singole etichette e apprezzare al meglio il momento in cui godersi una buona bottiglia.

Le zone e i vitigni della Champagne

La regione della Champagne si può dividere in quattro grandi macro-aree: Montagne de Reims, Vallée de la Marne, Côte des Blancs/Côte de Sézanne e Côte des Bar.

Se vogliamo scendere più in dettaglio, possiamo dire che la zona della Montagne de Reims è caratterizzata da terreni con marne e strati di gesso profondo; l’area della Côte des Blancs con la vicina Côte de Sézanne presenta terre più chiare e gessi affioranti; la Vallée de la Marne ha terreni misti con marne argillo-calcaree e presenza di sabbie; la zona della Côte des Bar presenta suoli caratterizzati da marne argillo-calcaree.

Ogni zona della Champagne, in base alle caratteristiche del suolo, si è rivelata nel corso dei secoli particolarmente vocata per la coltivazione di alcune varietà di uve. In Champagne è ammessa la coltivazione solo di Pinot Noir, Pinot Meunier, Chardonnay e di altri vitigni minori, come l’Arbanne, il Petit Meslier, il Pinot Blanc e il Pinot Gris, che oggi rappresentano insieme solo lo 0,3% del totale. Il Pinot Nero copre circa il 38% del vigneto della Champagne ed è coltivato soprattutto nelle zone della Montagne de Reims e della Côte des Bar. Il Pinot Meunier (31%) è il vitigno principe della Vallée de la Marne. Lo Chardonnay (31%) è il vitigno più coltivato sui terreni gessosi della Côte des Blancs e della Côte de Sézanne.

Territorio

L’area di produzione del AOC Champagne si estende su una superficie complessiva di circa 34.000 ettari, per una produzione annua che supera i 300 milioni di bottiglie. Al suo interno troviamo 17 Village Grand Cru e 44 Premier Cru.

Il territorio della Champagne trova le sue antiche origini geologiche nell’affioramento di un fondale marino. I profondi strati gessosi presenti nel sottosuolo sono costituiti dalla sedimentazione di scheletri calcarei di molluschi e micro organismi marini. Si tratta di suoli molto drenanti, ma che trattengono l’umidità negli strati più profondi. Questa caratteristica consente di avere terreni sempre asciutti in superficie e di poter contare su una riserva idrica disponibile per le profonde radici delle piante nei periodi di siccità. Una situazione di perfetto equilibrio vegetativo per la vite.

Il Clima

Il territorio della Champagne è costituito da valli e rilievi, spesso con pendenze piuttosto ripide. Le vigne sono coltivate in una fascia collinare che va dai 100 ai 300 metri d’altitudine, con esposizioni soleggiate orientate verso sud o sud-est. La Champagne si trova sulla linea del 49° parallelo, una latitudine che rappresenta il confine nord per la coltivazione della vite e le ore di sole sono preziose per portare a compimento il ciclo di maturazione delle uve.

Il clima è prevalentemente continentale, con inverni molto rigidi ed estati abbastanza calde. Non sono infrequenti le gelate primaverili, che possono creare gravi danni ai giovani germogli delle piante, così come temporali con grandine durante i mesi estivi. Tuttavia, le temperature estreme sono mitigate dall’influsso del vicino oceano, che contribuisce ad addolcire un po’ il clima e a garantire il giusto apporto di umidità e di piogge.

Tipologie di Champagne

Spesso si parla di Champagne facendo riferimento in modo generico a un vino. In realtà il mondo di questa straordinaria eccellenza dell’enologia francese è molto complesso e articolato. Quando si parla di Champagne ci si deve ricordare che si fa sempre riferimento alla pratica dell’assemblage, una vera arte demandata allo Chef de Cave.

Sans année, Millesimati e Cuvée Vintage:
Alla base della produzione di uno Champagne ci sono i famosi vins clairs, vinificati separatamente per ogni singola parcella. Per gli Champagne non millesimati, ai vini base si possono aggiungere anche i vini di riserva di annate precedenti. Si può arrivare tranquillamente ad avere a disposizione qualche centinaio di vini diversi per zone di provenienza, vitigni, caratteristiche aromatiche e grado di evoluzione. Infinite tessere di un mosaico con cui creare il vino finale. Un lavoro che presuppone una profonda conoscenza enologica, una memoria gustativa e sensoriale fuori dal comune. Come un direttore d‘orchestra, che deve far suonare insieme tutti gli strumenti, lo Chef de Cave deve decidere l’assemblage definitivo per creare un vino che sia armoniosa somma dei vini base. Deve possedere anche la dote di immaginare l’evoluzione della cuvée nel tempo, sapendo che raggiungerà il suo apice espressivo solo dopo alcuni anni di affinamento sui lieviti. Una capacità visionaria e quasi profetica, che si può acquisire solo con una lunga esperienza sul campo.

Proprio degustando e valutando i vins clairs, lo Chef de Cave decide anche se l’annata esprime dei vini così equilibrati da potere realizzare un Millesimato. Il clima estremo della Champagne non fornisce tutti gli anni vini adatti a produrre Millesimati di qualità. A parte le grandi Maison, che possono scegliere e mediare tra uve provenienti da molte zone della regione, per i piccoli produttori il Millesimato è un’eccezione da produrre solo 5/6 volte in un decennio. La gran parte degli Champagne in commercio sono dei sans année, realizzati con un sapiente assemblage di vini d’annata e vini di riserva gelosamente custoditi nelle cantine delle Maison.
Anche molte prestigiose Cuvée Vintage e Cuvée Prestige nascono dall’assemblaggio dei migliori vini di annate diverse.

Blanc de Blancs, Blanc de Noirs e Rosé:

L’assemblage più tradizionale dello Champagne delle grandi Maison spesso prevede percentuali simili di Pinot Noir, Pinot Meunier e Chardonnay. Il Pinot Noir conferisce note di frutti di bosco, struttura e potenza; il Pinot Meunier morbidezza, rotondità, aromi fruttati maturi e prontezza gustativa; lo Chardonnay finezza, eleganza, note floreali, agrumate, potenziale d’invecchiamento e di evoluzione.

Tuttavia non mancano assemblaggi diversi, soprattutto nel caso di piccoli produttori, che hanno le vigne in una sola zona. Possiamo parlare di Blanc de Blancs, quando uno Champagne è prodotto con sole uve bianche, di Blanc de Noirs se prodotto con sole uve a bacca rossa, di Rosé se c’è una leggera sosta sulle bucce o l’aggiunta di una piccola percentuale di vino rosso. Vi sono Champagne mono-cépage, prodotti con un solo vitigno in purezza come Chardonnay, Pinot Noir, Pinot Meunier, così come esistono Champagne mono-cru, prodotti con uve provenienti da un solo Village, che esprimono in modo emblematico le caratteristiche peculiari di un piccolo e pregiato terroir.

Champagne AOC Brut
Demonge
0,75 L
Aperitivi, formaggi freschi, pesce, risotti, funghi, crostacei
36 €
24,90 €
Sconto
qta'
Champagne AOC Cordon Rouge
G.H. Mumm
0,75 L, Astucciato
Aperitivi, pesce, carni bianche, affettati e salumi
34 €
26,50 €
Champagne AOC Brut R
Ruinart
0,75 L
Aperitivi, frutti di mare, sushi, pesce
60 €
39,90 €
Champagne AOC Brut Premier
Louis Roederer
0,75 L
Crostacei, frutti di mare, pesce
62 €
38,50 €
Champagne AOC Brut Cordon Bleu
De Venoge
0,75 L, Astucciato
Aperitivi, antipasti, pesce, verdura
42 €
32 €
Champagne AOC Sec Nocturne
Taittinger
0,75 L
Dolci secchi e pasticceria
55 €
32 €
Sconto
42%
In scadenza

Abbinamenti gastronomici

Lo Champagne non è solo per le grandi occasioni, le feste e gli anniversari, è anche un ottimo vino per abbinamenti gastronomici. I diversi assemblage, dosaggi e periodi di affinamento, offrono una vasta gamma di tipologie, che lo rendono estremamente duttile a tavola.

Le cuvée più semplici, con affinamenti sui lieviti abbastanza brevi, saranno perfette per il momento dell’aperitivo o per degli antipasti leggeri e delicati, in particolare a base di pesce.
Gli Extra Brut e i Pas Dosé sono ottimi per accompagnare i crostacei e il caviale.
Con le ostriche, invece, meglio seguire l’abbinamento territoriale con un classico Muscadet de Sèvre-et-Maine.
Grazie alla loro intatta freschezza, accompagnata da una buona struttura e persistenza, gli Champagne Millesimati sono perfetti per accompagnare primi piatti, in particolare paste e risotti di mare o secondi piatti a base di pesce al forno o in salsa.
Le Cuvée Vintage, che grazie a lunghi affinamenti sui lieviti possiedono profondità aromatica e lunghezza gustativa, si possono abbinare a secondi piatti come carni bianche, arrosti o piccola selvaggina al forno o allo spiedo.

Quanto ai dosaggi, molto dipende dal gusto personale: in linea generale possiamo dire che più un piatto ha tendenza grassa più troverà equilibrio con dei dosaggi bassi. I Blanc de Blancs si sposano molto bene con pietanze dal gusto delicato e i Blanc de Noirs con piatti più strutturati e dai sapori più decisi. L’unico abbinamento vietato è con i dolci, fatto salvo che per le versioni Demi-sec e Doux, che però sono sempre più rare.

Spesso ci si chiede quale sia il momento o l’occasione migliore per stappare una bottiglia di Champagne. Per quanto abbiamo detto parlando di abbinamenti, non ci sono dubbi che la tavola, soprattutto con un menù ricercato e importante, è il luogo migliore in cui degustare e apprezzare a pieno un grande vino come lo Champagne. Tenete quindi le migliori bottiglie per una buona cena, magari da condividere con amici che sanno apprezzare le qualità di questa eccellenza assoluta. Tuttavia lo Champagne è anche un grande vino da ricorrenza. Si brinda spesso con un calice di Champagne per festeggiare una laurea, un compleanno, una ricorrenza. In questi casi l’abbinamento è con stuzzichini e tartine, quindi scegliete una semplice cuvée base sans année delle Maison più diffuse sul mercato, che saprà regalare un sorso piacevole e non troppo impegnativo.

Champagne AOC Prestige Rosé
Taittinger
0,75 L
Aperitivi, frutta, dolci secchi e pasticceria
70 €
49,90 €
Champagne AOC Cordon Rouge
G.H. Mumm
Magnum 1,5 L, Astucciato
Aperitivi, pesce, carni bianche, affettati e salumi
79 €
69 €
Sconto
qta'
Champagne AOC Rosé Impérial
Moët & Chandon
0,75 L
Carni rosse, pesce, formaggi freschi, pollame nobile
52 €
44 €
Champagne AOC Réserve Exclusive Brut
Nicolas Feuillatte
0,75 L, Astucciato
Formaggi erborinati, crudi di pesce, pesce
40 €
29,50 €
Champagne AOC Brut Vintage 2009
Dom Pérignon
0,75 L
Pesce, crudi di pesce, crostacei, formaggi stagionati
170 €
125 €
Sconto
26%
Champagne AOC Prélude
Taittinger
0,75 L, Astucciato
Aperitivi, pesce
59 €
53 €
Sconto
qta'
Champagne AOC Brut Cordon Rosé
G.H. Mumm
0,75 L, Astucciato
Dolci secchi e pasticceria, aperitivi
44 €
34,50 €
Champagne AOC Brut Réserve
Billecart-Salmon
0,75 L
Aperitivi, pesce, crostacei
50 €
36,90 €
Champagne AOC Special Cuvée
Bollinger
0,75 L
Pesce, sushi, frutti di mare, crostacei
60 €
45 €
Champagne AOC Cuvée Saint-Pétersbourg
Veuve Clicquot
0,75 L
Aperitivi, pesce, crostacei, frutti di mare, primi piatti, verdura, formaggi stagionati
48 €
37,50 €
Champagne AOC Doux Rosé Rich
Veuve Clicquot
0,75 L
Aperitivi
80 €
69 €
Sconto
qta'

Champagne
EtichetteCristal · Dom Pérignon
Maison Ayala · Billecart-Salmon · Bollinger · Bruno Paillard · Carbon · Charles Heidsieck · De Venoge · Delamotte · Demonge · Deutz · Dom Pérignon · G.H. Mumm · Jacquesson · Joseph Perrier · Krug · Laurent-Perrier · Louis Roederer · Moët & Chandon · Nicolas Feuillatte · Pannier · Paul Goerg · Perrier Jouët · Philipponnat · Pol Roger · Ruinart · Salon · Taittinger · Veuve Clicquot
SottozoneCôte de Bar · Côte des Blancs · Côte de Sézanne · Montagne de Reims · Vallé de la Marne
TipologieBlanc de Blanc · Blanc de Noirs · Cuvée de Prestige · Rosé

Operazione in corso, attendere...

Informativa: questo sito utilizza cookie, anche di terze parti, per inviarti pubblicità e servizi in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie clicca qui. Chiudendo questo banner o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookie.
VINO75 La informa che tratterà i dati relativi ai Suoi acquisti con finalità di profilazione sulla base del proprio legittimo interesse. Potrà opporsi in qualsiasi momento a tale trattamento con le modalità descritte nell'Informativa privacy.