I cocktail

Gli ingredienti
per i migliori cocktail
Scegli il tuo cocktail preferito e clicca su "Aggiungi al carrello". Gli ingredienti principali verrano automaticamente inseriti tra i prodotti che stai acquistando, potrai modificarne le quantità a tuo piacimento

Best Seller

Moscow Mule
Il cocktail del momento
Riceverai
  • 1 bt. di vodka (70 cl)
  • 16 bottigliette di ginger beer (20 cl)
Altri ingredienti
Succo di lime
Ideale per 15 preparazioni
Come si prepara il Moscow Mule
Versare vodka (4,5 cl) e ginger beer (12 cl) in una tazza di rame o un bicchiere Old-Fashioned. Aggiungere il succo di lime e mescolare il tutto delicatamente. Guarnire con una fetta di lime.
Aggiungi al Carrello
Gin & Tonic
Il grande classico inglese
Riceverai
  • 1 bt. di gin (70 cl)
  • 12 bottigliette di acqua tonica (20 cl)
Ideale per 17 preparazioni
Come preparare il Gin & Tonic
Versare il gin (4 cl) e l’acqua tonica (10 cl) in un bicchiere highball colmo di cubetti di ghiaccio. Mescolare bene. Guarnire con una fetta di limone.
Aggiungi al Carrello
Negroni
Il cocktail italiano più amato al mondo
Riceverai
  • 1 bt. di Campari (100 cl)
  • 1 bt. di gin (70 cl)
  • 1 bt. di vermouth (70 cl)
Ideale per 23 preparazioni
Come preparare il Negroni
Versare Campari, gin e vermouth in parti uguali (3 cl) in un in un bicchiere Old-Fashioned colmo di ghiaccio. Mescolare delicatamente. Guarnire con una fetta di arancia.
Aggiungi al Carrello

Aperitivo

Martini
Un vero e proprio cocktail di culto
Riceverai
  • 1 bt. di gin (70 cl)
  • 1 bt. di vermouth dry (100 cl)
Ideale per 11 preparazioni
Come preparare il Martini
Versare il gin (6cl) e il vermouth (1 cl) in un mixing glass con ghiaccio. Mescolare bene. Filtrare il ghiaccio in una coppetta da cocktail. Guarnire con un’oliva.
Aggiungi al Carrello
Margarita
Il gusto del Messico
Riceverai
  • 1 bt. di tequila (70 cl)
  • 1 bt. di triple sec (70 cl)
Altri ingredienti
Sale e succo di limone
Ideale per 20 preparazioni
Come preparare il Margarita
Shakerare la tequila (3,5 cl), il triple sec (2 cl) e il succo di limone (1,5 cl) con ghiaccio. Filtrare il ghiaccio in una coppa con il bordo cosparso di sale.
Aggiungi al Carrello
Daiquiri
Il caraibico preferito da Hemingway
Riceverai
  • 1 bt. di rum (70 cl)
  • 1 bt. di sciroppo di canna da zucchero (70 cl)
Altri ingredienti
Succo di limone
Ideale per 15 preparazioni
Come preparare il Daiquiri
Shakerare il rum bianco (4,5 cl), lo sciroppo di canna da zucchero (1,5 cl) e il succo di limone (2,5 cl) con ghiaccio.. Filtrare in una coppetta da cocktail.
Aggiungi al Carrello
Bacardi
Il Daiquiri con un tocco di granatina
Riceverai
  • 1 bt. di rum (70 cl)
  • 1 bt. di granatina (70 cl)
Altri ingredienti
Succo di limone
Ideale per 15 preparazioni
Come preparare il Bacardi
Shakerare il rum bianco (4,5 cl), la granatina (1 cl) e il succo di limone (2 cl). Filtrare in una coppetta da cocktail gelata.
Aggiungi al Carrello
Kir
L’aperitivo francese
Riceverai
  • 5 bt. di vino bianco (75 cl)
  • 1 bt. di crema di cassis (70 cl)
Ideale per 40 preparazioni
Come preparare il Kir
Versare in un flute la crema di cassis (1 cl) e colmare con vino bianco (9 cl).
Aggiungi al Carrello
Boulevardier
Il nipote del Negroni
Riceverai
  • 1 bt. di bourbon whisky (70 cl)
  • 1 bt. di vermouth rosso (100 cl)
  • 1 bt. di Campari (100 cl)
Ideale per 23 preparazioni
Come preparare il Boulevardier
Versare Campari, bourbon e vermouth in parti uguali (3 cl) in un in un bicchiere Old-Fashioned colmo di ghiaccio. Mescolare delicatamente. Guarnire con una fetta di arancia.
Aggiungi al Carrello
Negroni
Il cocktail italiano più amato al mondo
Riceverai
  • 1 bt. di Campari (100 cl)
  • 1 bt. di gin (70 cl)
  • 1 bt. di vermouth (100 cl)
Ideale per 23 preparazioni
Come preparare il Negroni
Versare Campari, gin e vermouth in parti uguali (3 cl) in un in un bicchiere Old-Fashioned colmo di ghiaccio. Mescolare delicatamente. Guarnire con una fetta di arancia.
Aggiungi al Carrello
Americano
Un grande classico... italiano
Riceverai
  • 1 bt. di Campari (100 cl)
  • 1 bt. di vermouth rosso (100 cl)
Altri ingredienti
Soda
Ideale per 33 preparazioni
Come preparare l’Americano
Mescolare il Campari (3 cl) e il vermouth (3 cl) in un bicchiere con ghiacchio. Aggiungere una spruzzata di soda e guarnire con scorza di limone.
In arrivo
Aperol Spritz
Il re dell’aperitivo
Riceverai
  • 1 bt. di Aperol (100 cl)
  • 2 bottiglie di Prosecco
Altri ingredienti
Soda
Ideale per 25 preparazioni
Come preparare l’Aperol Spritz
Versare in un bicchiere da vino con ghiaccio il Prosecco (6 cl) e l’Aperol (4 cl). Guarnire con fetta d'arancia.
In arrivo

Long Drinks

Caipirinha
Il cocktail nazionale del Brasile
Riceverai
  • 1 bt. di Cachaça (70 cl)
Altri ingredienti
Succo di lime e zucchero
Ideale per 14 preparazioni
Come preparare la Caipirinha
Mescolare il succo di mezzo lime e 2 cucchiaini di zucchero in un bicchiere Old-Fashioned. Riempire con ghiaccio e cachaça (5 cl).
Aggiungi al Carrello
Moscow Mule
Il cocktail del momento
Riceverai
  • 1 bt. di vodka (70 cl)
  • 16 bottigliette di ginger beer (20 cl)
Altri ingredienti
Succo di lime
Ideale per 15 preparazioni
Come si prepara il Moscow Mule
Versare vodka (4,5 cl) e ginger beer (12 cl) in una tazza di rame o un bicchiere Old-Fashioned. Aggiungere il succo di lime e mescolare il tutto delicatamente. Guarnire con una fetta di lime.
Aggiungi al Carrello
Gin & Tonic
Il grande classico inglese
Riceverai
  • 1 bt. di gin (70 cl)
  • 12 bottigliette di acqua tonica (20 cl)
Ideale per 17 preparazioni
Come preparare il Gin & Tonic
Versare il gin (4 cl) e l’acqua tonica (10 cl) in un bicchiere highball colmo di cubetti di ghiaccio. Mescolare bene. Guarnire con una fetta di limone.
Aggiungi al Carrello
Mai Tai
Il delizioso sapore hawaiano
Riceverai
  • 1 bt. di rum bianco (70 cl)
  • 1 bt. di rum scuro (70 cl)
  • 1 bt. di curaçao (70 cl)
  • 1 bt. di orzata (70 cl)
Altri ingredienti
Succo di lime
Ideale per 17 preparazioni
Come preparare il Mai Tai
Shakerare il rum bianco (4 cl), il rum scuro (2 cl), il curaçao (1,5 cl), l’orzata e il succo di lime (1 cl) con del ghiaccio. Servire in un bicchiere highball. Guarnire con fetta di ananas, foglie di menta e scorza di lime.
Aggiungi al Carrello
Mint Julep
Il Mojito americano
Riceverai
  • 1 bt. bourbon whisky (70 cl)
Altri ingredienti
Menta, acqua e zucchero
Ideale per 11 preparazioni
Come preparare il Mint Julep
Pestare le foglie di menta con un cucchiaino di zucchero e due cucchiaini d’acqua in un bicchiere highball. Riempire con ghiaccio, bourbon (6 cl) e mescolare. Guarnire con menta.
Aggiungi al Carrello
Sea Breeze
Fresco come la brezza marina
Riceverai
  • 1 bt. vodka (70 cl)
  • 1 bt. di sciroppo di mirtillo rosso (70 cl)
Altri ingredienti
Succo di pompelmo
Ideale per 17 preparazioni
Come preparare il Sea Breeze
Shakerare vodka (4 cl), succo di pompelmo (8 cl) e (2,5 cl) sciroppo di mirtillo rosso con ghiaccio. Servire in un bicchiere highball guarnito con una fetta di lime.
Aggiungi al Carrello
Perfect Storm
Il nuovo cocktail di tendenza
Riceverai
  • 1 bt. di rum scuro (70 cl)
  • 12 bottigliette di ginger beer (20 cl)
Ideale per 12 preparazioni
Come preparare il Perfect Storm
Versare il rum scuro (6 cl) e ginger beer (10 cl) in un bicchiere highball colmo di ghiaccio. Guarnire con una fetta di lime.
Aggiungi al Carrello
Cuba Libre
Il rum cubano incontra gli Stati Uniti
Riceverai
  • 1 bt. di rum bianco (70 cl)
Altri ingredienti
Cola e succo di lime
Ideale per 14 preparazioni
Come preparare il Cuba Libre
Versare cola (12 cl), rum bianco (5 cl) e succo di lime (1 cl) in un bicchiere highball colmo di ghiaccio. Guarnire con una fetta di lime.
In arrivo
Sex on the Beach
Il più sexy dei cocktail
Riceverai
  • 1 bt. di vodka (70 cl)
  • 1 bt. di liquore alla pesca (70 cl)
  • 1 bt. di sciroppo di mirtillo rosso (70 cl)
Altri ingredienti
Succo d'arancia
Ideale per 15 preparazioni
Come preparare il Sex on the Beach
Versare la vodka (4 cl), il liquore alla pesca (2 cl), lo sciroppo di mirtillo rosso (4 cl) e il succo d'arancia (4 cl) in un bicchiere highball colmo di ghiaccio. Guarnire con una fetta di arancia.
In arrivo
Mojito
Il cocktail nazionale di Cuba
Riceverai
  • 1 bt. di rum bianco (70 cl)
Altri ingredienti
Soda, zucchero di canna e lime
Ideale per 17 preparazioni
Come preparare il Mojito
Pestare le foglie di menta con due cucchiaini di zucchero e il succo di lime (3 cl). Aggiungere una spruzzata di soda e riempire con ghiaccio tritato. Versare il rum (4 cl). Guarnire con foglie di menta e lime. Servire con cannuccia.
In arrivo
Long Island Ice Tea
Il più alcolico dei Long Drink
Riceverai
  • 1 bt. di vodka (70 cl)
  • 1 bt. di tequila (70 cl)
  • 1 bt. di rum bianco (70 cl)
  • 1 bt. di gin (70 cl)
  • 1 bt. di triple sec (70 cl)
Altri ingredienti
Cola e succo di limone
Ideale per 47 preparazioni
Come preparare il Long Island Iced Tea
Versare vodka (1,5 cl), tequila (1,5 cl), rum bianco (1,5 cl), gin (1,5 cl), triple sec (1,5 cl), sciroppo di zucchero (3 cl), succo di limone (2,5 cl) e uno spruzzo di cola in un bicchiere highball. Servire con una cannuccia e guarnire con una fetta di limone.
In arrivo

All Day

Cosmopolitan
Un classico contemporaneo
Riceverai
  • 1 bt. di vodka al limone (70 cl)
  • 1 bt. di triple sec
  • 1 bt. di sciroppo di mirtillo rosso
Ideale per 17 preparazioni
Come preparare il Cosmopolitan
Shakerare la vodka (4 cl), il triple sec (1,5 cl), lo sciroppo di mirtillo rosso (3 cl) e il succo di lime (1,5 cl) con ghiaccio.. Filtrare il ghiaccio e servire in una coppetta da cocktail. Guarnire con una fetta di lime.
Aggiungi al Carrello
White lady
Fresco e agrumato
Riceverai
  • 1 bt. di gin (70 cl)
  • 1 bt. di triple sec (70 cl)
Altri ingredienti
Succo di limone
Ideale per 17 preparazioni
Come preparare il White Lady
Shakerare il gin (4 cl), il triple sec (3 cl) e il succo di limone (2 cl) con ghiaccio. Filtrare il ghiaccio e servire in una coppetta da cocktail. Guarnire con una fetta di lime.
Aggiungi al Carrello
Aviation
Il cocktail dei Top Gun
Riceverai
  • 1 bt. di gin (70 cl)
  • 1 bt. di maraschino (70 cl)
Altri ingredienti
Succo di limone
Ideale per 17 preparazioni
Come preparare l’Aviation
Shakerare il gin (4 cl), il maraschino (1,5 cl) e il succo di limone (1,5 cl) con ghiaccio. Filtrare il ghiaccio e servire in una coppetta da cocktail. Guarnire con una fetta di lime.
Aggiungi al Carrello
Between the Sheets
Sexy e inebriante
Riceverai
  • 1 bt. di cognac (70 cl)
  • 1 bt. di rum bianco (70 cl)
  • 1 bt. di triple sec (70 cl)
Altri ingredienti
Succo di limone
Ideale per 23 preparazioni
Come preparare il Between the Sheets
Shakerare il cognac (3 cl), il rum (3 cl), il triple sec (3 cl) e il succo di limone (2 cl) con ghiaccio. Filtrare il ghiaccio e servire in una coppetta da cocktail.
Aggiungi al Carrello
French 75
Lo Champagne con un tocco “Sour”
Riceverai
  • 1 bt. di Champagne (75 cl)
  • 1 bt. di gin (70 cl)
  • 1 bt. di sciroppo di zucchero (70 cl)
Altri ingredienti
Succo di limone
Ideale per 12 preparazioni
Come preparare il French 75
Shakerare il gin (3 cl), il succo di limone (1,5 cl) e due cucchiaini di sciroppo di zucchero con ghiaccio. Filtrare il ghiaccio. Aggiungere lo Champagne (6 cl). Mescolare delicatamente.
Aggiungi al Carrello
Angel Face
Il perfetto abbinamento per i dessert
Riceverai
  • 1 bt. di apricot brandy (70 cl)
  • 1 bt. di calvados (70 cl)
  • 1 bt. di gin (70 cl)
Ideale per 23 preparazioni
Come preparare l’Angel Face
Shakerare il gin (3 cl), il calvados (3 cl) e l’apricot brandy (3 cl) con ghiaccio. Filtrare il ghiaccio e servire in una coppetta da cocktail.
In arrivo

After Dinner

Rusty Nail
Il preferito da Frank Sinatra
Riceverai
  • 1 bt. di Scotch whisky (70 cl)
  • 1 bt. di Drambuie (70 cl)
Ideale per 15 preparazioni
Come preparare il Rusty Nail
Versare lo Scotch whisky (4,5 cl), il Drambuie (2,5 cl) in un bicchiere Old-Fashioned con ghiaccio. Mescolare delicatamente. Guarnire con scorza di limone.
Aggiungi al Carrello
Black Russian
Il più classico degli after-dinner
Riceverai
  • 1 bt. di vodka (70 cl)
  • 1 bt. di liquore al caffè (70 cl)
Ideale per 14 preparazioni
Come preparare il Black Russian
Versare la vodka (5 cl) e il liquore di caffè (2 cl) in un bicchiere Old-Fashioned pieno di cubetti di ghiaccio. Mescolare delicatamente.
Aggiungi al Carrello
B52
Il re dei flaming cocktail
Riceverai
  • 1 bt. di liquore al caffè (70 cl)
  • 1 bt. di crema di whiskey (70 cl)
  • 1 bt. di Grand Marnier (70 cl)
Ideale per 35 preparazioni
Come preparare il B52
Versare gli ingredienti a strati, cominciando con il liquore al caffè (2 cl), la crema di whiskey (2 cl) e il Grand Marnier (2 cl). Incendiare l’ultimo strato. Servire con una cannulla a lato.
In arrivo

Come si classificano i cocktail

Per cocktail si intende generalmente una bevanda ottenuta dalla miscelazione di almeno tre ingredienti, uno dei quali alcolico.

Una prima classificazione può avvenire in base al volume e al bicchiere in cui vengono serviti: gli shot o shooter nello shot glass (3 - 6 cl), meglio conosciuto in Italia come cicchetto; gli short drink nella coppetta da cocktail (9 - 30 cl) o Martini glass; i medium drink in tumbler bassi (18 - 30 cl) come l’Old Fashioned; i long drink in tumbler alti (25 - 40 cl).

Viene poi la classificazione per struttura. I primi cocktail, oggi classificati come Ancestrali, fecero la loro comparsa agli inizi del XIX secolo. Questi drink erano formati da un distillato di base addolcito con zucchero, o con uno spruzzo di liquori dolci come maraschino e curaçao, bitter e acqua o ghiaccio. Esempi di questa categoria sono l’Old Fashioned e il Sazerac.

Verso la fine del XIX secolo vermouth e altri vini fortificati vennero aggiunti agli Ancestrali per smorzare l’alcol e aggiungere complessità e aromi. Questi cocktail sono oggi classificati come Spirit-Forward o French-Italian Drinks. Gli ingredienti sono sempre mescolati e mai shakerati. I vermouth francesi, bianchi e dry, vengono generalmente mixati con gin e vodka; mentre quelli italiani, rossi e dolci, si sposano bene ai distillati invecchiati, come whisky e rum. Sono serviti lisci o con ghiaccio. La frutta fa la sua comparsa solo sotto forma di sciroppo o di guarnizione: una fetta di limone, arancia o una ciliegina sotto spirito. Fanno parte di questa famiglia il Martini, il Negroni, l’Americano e il Manhattan.

Un cocktail che contiene solo una base alcolica e un filler prende anche il nome di Highball. Uno dei filler più comunemente utilizzati è la soda, tanto che il Whisky & Soda è stato probabilmente uno dei primi Highball, mentre tra i più famosi ci sono il Gin & Tonic e il Cuba Libre. Gli Highball che includono ginger ale, ginger beer e succo di limone o lime prendono il nome di Buck. Il più famoso della categoria, un tempo conosciuto come Vodka Buck, è il Moscow Mule. Un’altra sottocategoria degli Highball include i cocktail preparati con vodka e succo di mirtillo rosso americano (cranberry), che prendono il nome di Cape Codder, dalla regione degli Stati Uniti famosa per la coltivazione di questo frutto. Appartengono a questa famiglia il Sea Breeze, il Madras, il Sex on the Beach e il Cosmopolitan. Anche i cocktail Esotici, Tropicali o Tiki, possono rientrare nella categoria Highball. Evocano appunto atmosfere esotiche (caraibiche, hawaiane, polinesiane, etc.) e la loro principale caratteristica è la presenza sciroppo o succo di frutta. All’estremo della categoria possono essere infine collocati anche i Bloody, il cui filler è il succo di pomodoro e di cui il Bloody Mary è il capostipite.

I Sour contengono una base alcolica, succo di lime o limone e un terzo ingrediente dolcificante, come zucchero, granatina, triple sec o succo d’ananas, per bilanciarne l’acidità. Il Daiquiri, la Caipirinha, il Sidecar e il Margarita sono classici esempi di Sour. In questa categoria possono essere inclusi i Fizz e i Collins, che utilizzano entrambi la soda come filler. La differenza tra i due è che i Collins, serviti con ghiaccio nel bicchiere da cui prendono il nome, sono mescolati, mentre i Fizz sono shakerati. John Collins e Gin Fizz, che prevedono gli stessi ingredienti, si differenziano infatti per il modo in cui sono preparati.

Secondo la definizione di Gary Reagan, autore di The Joy of Mixology, quando un cocktail contiene un distillato e un liquore, si parla di Duo, mentre un Trio prevede l’aggiunta di un altro ingrediente come zucchero, miele, latte, panna o erbe aromatiche. Alcuni dei più famosi duo sono il Black Russian, il Godfather e il Rusty Nail, mentre l’Alexander è il più celebre dei Trio. In questa categoria troviamo anche i cosiddetti Dark Drink, il cui ingrediente principale è il caffè, e i Gangster, la cui base è whisky, amaretto o cognac.

Julep e pestati sono una famiglia di cocktail il cui ingrediente fondamentale sono le foglie di menta, spesso schiacciate nel bicchiere con un pestello insieme a zucchero e lime. Rientrano in questa categoria il Mojito, la cui base è il rum bianco, e il Mint Julep, preparato con il barboun.

Per Hard Drink si intendono invece i cocktail contraddistinti da una preponderante presenza di distillati, come nel caso del Long Island Iced Tea, che ha dato origine a una sottofamiglia di Iced Tea, dove i vari ingredienti sono sostituiti con altri distillati, liquori o filler. Tra gli Hard Drink si includono anche i Pousse-caffè o Layered Drinks, in cui la diversa densità dei vari liquori viene sfruttata per creare un drink multistrato, che va da due a sette. Il B52, formato da tre strati di liquore al caffè, crema di whisky e Grand Marnier ne è il più classico degli esempi.

Gli Champagne Cocktail sono quelli che contengono Champagne o spumante, come nel caso del French 75, Mimosa, Bellini, Kir Royale.

Flip e Nog sono invece caratterizzati dalla presenza di un uovo, che viene shekarato con gli altri ingredienti. Mentre l’albume d’uovo si può riscontrare anche in alcuni Fizz, in questa categoria l’uovo è intero. Il solo cocktail di questa categoria riconosciuto dall’IBA (International Bartenders Association) è il Porto Flip, ma il più popolare è senz’altro l’Eggnog, bevanda alcolica a base di latte, uovo, noce moscata, tipica del periodo natalizio nel mondo anglosassone.

Un’altra categoria di cocktail è rappresentata dai Punch. Questo termine si riferisce a bevande alcoliche e non alcoliche, da servire fredde o calde, contenenti frutta o succo di frutta. Ciò che contraddistingue i Punch dagli altri cocktail è inoltre il fatto che vengono serviti in una grande coppa (punch bowl), il che lo rende il cocktail ideale per i party. Originario dell’India, il suo nome sembra derivare dalla parola sanscrita pañca, che significa cinque e che sta ad indicare gli ingredienti necessari per la preparazione: alcol, zucchero, limone, tè e spezie.

Tecniche di miscelazione

A seconda della struttura, ogni cocktail ha una sua specifica tecnica di miscelazione per amalgamare tra loro gli ingredienti.

Lo shaking consiste nell’agitare vigorosamente per 10-20 secondi gli ingredienti in uno shaker pieno di ghiaccio. Si utilizza quando il cocktail è composto da ingredienti che, avendo consistenze diverse, hanno bisogno di essere amalgamati meglio tra loro, come nel caso di succhi di frutta, sciroppi, liquori alla crema, latte, uova. La miscela così ottenuta può essere servita straight up, cioè in una coppetta senza ghiaccio, oppure on the rocks, in un tumbler basso con nuovo ghiaccio. Allo shaking può fare seguito lo straining, ovvero il filtraggio del ghiaccio e di altri residui: in questo caso di parla di shake and strain; se invece il cocktail viene servito con ghiaccio shakerato, si parla di shake and pour.

La tecnica di versare gli ingredienti nel bicchiere e mescolarli con uno stirrer o cucchiaio da bar è invece detta stirring. Più delicata rispetto allo shaking, si utilizza quando il cocktail è composto da due o più alcolici di analoga consistenza che devono essere mescolati tra loro e diluiti con una piccola quantità di ghiaccio.

Se gli ingredienti vengono versati uno sull’altro nel bicchiere si parla di building. È utilizzata per i Layered Drink, dove gli ingredienti devono essere serviti a strati. Questa tecnica consente la preparazione di cocktail flaming, il cui ultimo strato, composto da distillati ad alta gradazione alcolica, vengono incendiati.

Il muddling consiste nel pestare ingredienti quali foglie di menta, lime e zucchero in un mortaio al fine di liberare le loro essenze. È utilizzata per i Julep e per i cocktail pestati.

Un’ultima tecnica di miscelazione è infine quella del blending, impiegata per la preparazione dei cocktail frozen, che consiste nel frullare gli ingredienti in un blender fino ad ottenere una soffice granita.

Operazione in corso, attendere...

Informativa: questo sito utilizza cookie, anche di terze parti, per inviarti pubblicità e servizi in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie clicca qui. Chiudendo questo banner o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookie.
VINO75 La informa che tratterà i dati relativi ai Suoi acquisti con finalità di profilazione sulla base del proprio legittimo interesse. Potrà opporsi in qualsiasi momento a tale trattamento con le modalità descritte nell'Informativa privacy.